I bulloni sono una tipologia di elementi di fissaggio, che è normalmente utilizzata assieme ai dadi per l’assemblaggio di due componenti non filettate.

La facilità di utilizzo li ha resi adatti a svolgere un importante ruolo nello sviluppo della produzione di massa e nelle strutture in acciaio.

Essi sono formati da una testa e da un corpo cilindrico, filettato esternamente lungo una pozione della loro lunghezza.

La testa è la parte dei bulloni caratterizzata dal diametro maggiore e la sua forma è pensata per collimare con i corrispondenti strumenti di serraggio. La testa dei bulloni può svolgere anche altre funzioni come ad esempio distribuire il carico di serraggio sulla superficie di contatto oppure bloccare il bullone stesso in posizione, impedendo la rotazione.

La filettatura è una struttura elicoidale avvolta attorno al corpo cilindrico del bullone che converte il movimento rotatorio in lineare, assicurando il serraggio degli elementi di fissaggio.

Esistono varie forme di filettature, tuttavia due tipologie sono le più comuni. Le filettature spaziate sono utilizzate sulle viti a legno e le viti autofilettanti mentre le filettature per bulloneria sono generalmente utilizzate su viti e bulloni e sono progettate per abbinarsi con le filettature preformate in dadi o fori.

Le filettature per bulloneria variano in base alla forma dell’elica e alle rispettive misure, secondo quanto specificato nei differenti standard internazionali. Come ad esempio la filettatura ISO (metrica), la filettatura Whitworth (in pollici) o la filettatura GAS (in pollici).

Alcune tipologie di bulloni hanno una filettatura che si estende da sotto la testa fino in punta. Tuttavia i bulloni possono essere anche parzialmente filettati. Ciò significa che essi hanno un’area, al di sotto della testa, che è interamente priva di filettature.

La lunghezza di questa parte non filettata, chiamata anche gambo o spalla, può variare in base alla tipologia del bullone.

Entrambe le configurazioni offrono uno specifico vantaggio in base all’utilizzo del bullone stesso.

I bulloni interamente filettati distribuiscono la tensione di serraggio lungo la loro intera lunghezza, con la maggiore pressione posizionata sulla testa, dove il bullone viene a contatto con il materiale che deve essere serrato.

Questa tipologia di bulloni rappresentano la scelta adeguata quando assicurare la forza di presa è fondamentale. Inoltre, essi raramente si spezzano e tendono a non svitarsi.

I bulloni parzialmente filettati sono in gran parte utilizzati quando l’allineamento e la resistenza al taglio sono più importanti della forza di presa.

Il segmento non filettato, definito anche lunghezza di presa, non contiene punti deboli che potrebbero indurre la rottura o la piegatura del bullone. Dato che sono necessarie delle forze enormi per spezzare i bulloni parzialmente filettati essi sono adatti per progetti che richiedono un’ulteriore forza per bloccare le parti metalliche in posizione. Cioè, in applicazioni come supporti per motori, pompe per acqua, alternatori ecc.

Analogamente alle viti, i bulloni uniscono le parti metalliche in maniera non permanente. Per esempio, le componenti possono essere separate, l’una dalle altre, attraverso l’uso di uno strumento adeguato. Questo è uno dei principali vantaggi dei bulloni rispetto ai rivetti i quali, ad esempio, non possono essere disassemblati e ri-assemblati di nuovo.

I bulloni sono disponibili in differenti configurazioni sulla base delle loro specifiche e applicazioni.

VIPA offre un’ampia gamma di bulloni in differenti materiali come ad esempio acciaio al carbonio, acciaio inox e ottone.

Essi possono essere trattati per mezzo di rivestimenti metallici che forniscono una effettiva barriera contro i più comuni agenti corrosivi.

Bulloni a testa esagonale

  bullone parzialmente filettato bullone totalmente filettato

I bulloni a testa esagonale sono la tipologia di bulloni più comunemente utilizzata per svariate applicazioni, sia nelle costruzioni che nel settore delle riparazioni.

Essi hanno progressivamente rimpiazzato i bulloni a testa quadrata nel corso dei decenni grazie alla loro facilità di serraggio.

Essi sono principalmente utilizzati per le giunzioni, assieme ai dadi esagonali e alle rondelle che distribuiscono il carico sui materiali, impedendo che la testa del bullone sia tirata all’interno della connessione.

Questa tipologia di testa ha una superfice superiore piatta, sei facce laterali piatte e una superfice di contatto anch’essa piatta. Le facce laterali piatte sono progettate per facilitare il serraggio dei bulloni per mezzo di chiavi, consentendo, allo stesso tempo, la possibilità di applicare un maggiore livello di coppia ai bulloni, in confronto con altre tipologie di teste.

I bulloni a testa esagonale sono prodotti in varie classi di resistenza e materiali e la bulloneria ad alta resistenza è spesso fabbricata con teste esagonali.

DIN 931 (bulloni a testa esagonale parzialmente filettati) e DIN 933 (bulloni a testa esagonale interamente filettati) sono gli standard internazionali di riferimento per i bulloni a testa esagonale con una filettatura metrica ISO a passo grosso. Le normative corrispondenti, ISO 4014 e ISO 4017, stabiliscono per le quote “s” ed “e” misure leggermente differenti con riguardo i diametri M10, M12, M14 e M22.

DIN 960 (bulloni a testa esagonale parzialmente filettati) e DIN 961 (bulloni a testa esagonale interamente filettati) sono gli standard internazionali di riferimento per i bulloni a testa esagonale, con filettatura metrica ISO a passo fine. Anche in questo caso, i corrispondenti standard ISO, cioè ISO 8765 e ISO 8676  definiscono nelle quote “s” ed “e” per quanto riguarda i diametri M10, M12, M14 e M22.

Bulloni esagonali con flangia

bullone flangiato

I bulloni esagonali con flangia sono bulloni con una testa esagonale e una rondella, uniti in blocco, che hanno una superficie di contatto liscia o dentellata. Questo genere di elementi di fissaggio sono ampiamente utilizzati per bloccare, ad esempio, i pannelli dei camion e forniscono alcuni vantaggi.

La flangia forgiata al di sotto della testa distribuisce ampiamente il carico sulla superficie di contatto, eliminando dunque la necessità di una rondella.

Inoltre, i bulloni esagonali con flangia sono molto utili quando è necessario compensare i fori disallineati di componenti che devono essere serrati. I bulloni esagonali con flangia possono essere forniti di dentellature nella superficie di contatto per assicurare un migliore bloccaggio del bullone in posizione.

 

Bulloni a testa quadra

Per molto tempo, i bulloni a testa quadra sono stati lo standard di riferimento del settore degli elementi di fissaggio. Anche se oggi sono stati rimpiazzati dai bulloni a testa esagonale, più pratici, essi sono comunemente utilizzati per motivi estetici.

Bolloni a testa tonda con quadro sottotesta

Bolloni a testa tonda con quadro sottotesta

I bulloni a testa tonda con quadro sottotesta sono un tipo di bulloni utilizzati prevalentemente per lavori di falegnameria, in particolare, per fissare componenti metalliche al legno. Tuttavia, questo tipo di bulloni sono forniti di una filettatura che li rende adatti anche per essere applicati sui metalli. Essi sono prodotti con una testa tonda, sprovvista di qualsiasi tipologia di innesto per cacciavite o chiave, e una sezione quadrata, immediatamente sotto di essa. Il profilo quadrato sottotesta è pensato per collimare con il corrispondente foro quadrato nei materiali da costruzione, e resistere alla rotazione quando l’assemblaggio è serrato attraverso l’utilizzo di un dado.

I bulloni con quadro sottotesta sono anche utilizzati per motivi estetici in quanto forniscono un aspetto gradevole in molte applicazioni a causa della loro testa rotonda.

Bulloni esagonali larghi per carpenteria

I bulloni esagonali larghi per carpenteria sono progettati per connessioni strutturali in acciaio. Essi sono in genere prodotti con un gambo più corto rispetto ai dadi esagonali standard.

Share: